La settimana del Palermo pride 2011 celebra la giornata internazionale contro l’omofobia con un articolato percorso incentrato sulla soggettività lesbica e sull’esperienza queer.

 

  • ore 17.00: Aula Rostagno, piazza Pretoria, incontro pubblico “dopo il 13 febbraio: i percorsi politici delle donne e delle lesbiche tra femminismo e teorie queer”
  • ore 19.00: Istituto Cervantes, ex chiesa di Sant’Eulalia dei Catalani: “Una historia Verdadera”, inaugurazione della mostra fotografica di David Trullo, in collaborazione con il Sicilia Queer Filmfest
  • ore 21.00: Cityplex Metropolitan, Anteprima del Sicilia Queer Filmfest: ”Zanzibar, una storia d’amore”; “Diversamente etero

 

Dopo il 13 febbraio: i percorsi politici delle donne e delle lesbiche tra femminismo e teorie queer

Il Palermo Pride di quest’anno è particolarmente caratterizzato da una soggettività lesbica articolata in diverse esperienze associative o di singole individualità, che stanno collaborando ad un percorso di riflessione ed elaborazione politica comune, sui temi che riguardano le nuove famiglie, la maternità lesbica, il rapporto fra sessualità/corpi/ e rappresentazione sociale dei generi e degli orientamenti sessuali, il rapporto fra lesbismo e femminismo attraverso l’esperienza del Queer.

Nell’ambito del programma di iniziative promosse dal coordinamento organizzatore, il 17 maggio, giornata internazionale della lotta contro l’omofobia, è dedicata alle tematiche lesbo/queer/femministe, a partire da questo incontro-dibattito con le realtà femministe della città.

Un momento di riflessione e di confronto sul rapporto fra lesbismo, queer e femminismo alla luce delle recenti e appassionanti mobilitazioni delle donne, sul rapporto fra corpi/sessualità e potere.

Parteciperanno: Livia Alga, Barbara Amodeo, Titti De Simone, Giulia De Spuches, Daniela Dioguardi, Giovanna Fiume, Daniela Tomasino.

 

 

Una historia Verdadera”, inaugurazione della mostra fotografica di David Trullo, in collaborazione con il Sicilia Queer Filmfest.

La mostra presenta un gruppo di fotografie trovate e manipolate digitalmente dall’artista visivo David Trullo, che altera foto di matrimoni dei secoli XIX e XX con coppie di sesso opposto, sostituendo l’uomo per un’altra donna o viceversa, e crea così “false” le coppie di uomini con uomini e donne con donne; l’altro troncone del progetto fa parte dei fondi fotografici della Colección Visible, un set di immagini della stessa epoca che mostrano scene simili, questa volta senza manipolazione. È lo spettatore che interpreta le relazioni delle persone nelle foto, intuendo, immaginando e traendo le proprie conclusioni.

 

 

La giornata si concluderà con la proiezione di due anteprime a cura del Sicilia Queer filmfest alle 21 al Cinema Metropolitan. Si tratta di due documentari sulla storia e sulla rappresentazione del lesbismo in Italia: Zanzibar e Diversamente etero. Saranno presenti le autrici.

Alle ore 21: ”DIVERSAMENTE ETERO – la storia che non avete visto” (Italia, 2011, 55 min.), un film di Milena Cannavacciuolo, Elena Tebano, Marica Lizzadro e Chiara Tarfano.

Sarà presente Chiara Tarfano.

A seguire: ”ZANZIBAR. Una storia d’ amore” (Italia, 2009, 45 min.) di Francesca Manieri e Monica Pietrangeli. Sarà presente Monica Pietrangeli.

Commenti chiusi.